Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Accordo tra Gilead e Scholar Rock, per trovare una terapia per la #steatoepatite non alcolica (NASH) e altre malattie fibrotiche, patologie per le quali non esistono ancora farmaci approvati. bit.ly/2MgxY0V pic.twitter.com/0pph61FS7S
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Secondo gli studiosi dell'Università di Yale, tra i pazienti con anomalie nel gene KLHL7 ci sono abbastanza sintomi in comune per definire una nuova malattia multisistemica: la sindrome #PERCHING . #RareDiseases #MalattieRare bit.ly/2T71vgp pic.twitter.com/yxnfY6hSke
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Si parlerà anche di #malattierare , con un focus sulla #lipodistrofia a “Bimbi dei Miracoli" in programma dal 25 al 27 gennaio 2019 presso il palazzo dei Congressi di Pisa. #BimbiDeiMiracoli bit.ly/2SZAJGt pic.twitter.com/hqEMeJzTG4
2 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Il 19 Gennaio si terrà a Verona la presentazione del libro “La sabbia negli occhi”. Un viaggio dell’anima tra ricordi ed emozioni. @ANIMaSS05 #SindromediSj%C3%B6gren #RareDiseases bit.ly/2RPStGZ
2 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Il farmaco ha dimostrato di ridurre il tempo di normalizzazione della conta piastrinica nei pazienti affetti da #porpora trombotica trombocitopenica acquisita. bit.ly/2APR09M pic.twitter.com/NLJU1Ye2id
2 days ago.

L’intervista alla Dr.ssa Maria Alice Donati, del Meyer di Firenze

La regione Toscana, in termini di screening neonatale allargato si è attivata presto: risale, infatti, al 2002 l’inizio di questi test in un’area precisa della regione stessa; nel 2004 è arrivata la delibera regionale che ha esteso la procedura a tutti i neonati toscani e nel 2010 è stata aggiunta anche l’Umbria.

I primi pazienti valutati con screening in Toscana, nel 2002, oggi hanno 16 anni e, quindi, si avvicinano all’età adulta. Prima dell’attuazione dello screening, la maggior parte dei piccoli pazienti decedeva per gravi complicanze; oggi, l’identificazione precoce del problema, i controlli programmati nel tempo (più ravvicinati in età pediatrica e in età critiche come l’adolescenza) e la possibilità di una terapia appropriata, nutrizionale e a volte farmacologica, consentono di raggiungere l’età adulta.

Per questi pazienti si pone oggi il problema della transizione nella medicina dell’adulto, passaggio difficile in quanto la medicina metabolica, finora, è stata quasi esclusivamente pediatrica. Dovremo ipotizzare, nel futuro, una medicina metabolica dell’adulto, anche se sarà un percorso complesso, di approfondimento di queste malattie in collaborazione con determinati specialisti”, ha sottolineato la dr.ssa Maria Alice Donati, Responsabile Sezione Malattie Metaboliche e Muscolari Ereditarie, Dipartimento di Neuroscienze, Azienda Ospedaliera Universitaria Anna Meyer di Firenze, intervistata in occasione del recente Congresso SIMMESN 2018.

In questi anni, una media di 1 neonato ogni 1.500 è stato individuato affetto da una delle patologie incluse nel pannello di screening seguito dalla regione Toscana, e una buona fetta di queste malattie è costituita dalle organico-acidurie, prevalentemente dall'aciduria metilmalonica tipo cblC (o deficit di cobalamina C). “Quest’ultima è una patologia francamente italiana”, ha sottolineato Donati. “L’epidemiologia, in Toscana, riguarda 1:38.000 casi, prevalentemente toscani di nascita e origine, perché il 30% degli stranieri residenti in questa regione non ne è colpito”.

Nel 2007, presso l’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze sono stati cambiati i valori di cut off per lo screening di queste malattie. La variazione è avvenuta in seguito a un episodio di falso negativo riguardante una bambina, che, con il vecchio cut off (pari a 5.65, che corrispondeva al 95esimo percentile, e oggi spostato a 3.3, più due deviazioni standard) era sfuggita al test. Purtroppo, questa piccola paziente ha manifestato delle conseguenze importanti, quali un’anemia gravissima e dei problemi neurologici evidenti.

E’ doveroso sottolineare che ai test di screening va sempre unita la clinica, l’esperienza del medico, come evidenziato anche da autorevoli riviste scientifiche, tra cui The Lancet, in quanto il paziente può essere sintomatico anche prima delle 48 ore dalla nascita, e quindi il sospetto diagnostico può arrivare anche prima del risultato del test di screening. Va inoltre menzionata la possibilità che capitino casi con iperammonemia, ma sono pochissimi.

Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esentabili.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni