Ultimi Tweets

OssMalattieRare
OssMalattieRare Accordo tra Gilead e Scholar Rock, per trovare una terapia per la #steatoepatite non alcolica (NASH) e altre malattie fibrotiche, patologie per le quali non esistono ancora farmaci approvati. bit.ly/2MgxY0V pic.twitter.com/0pph61FS7S
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Secondo gli studiosi dell'Università di Yale, tra i pazienti con anomalie nel gene KLHL7 ci sono abbastanza sintomi in comune per definire una nuova malattia multisistemica: la sindrome #PERCHING . #RareDiseases #MalattieRare bit.ly/2T71vgp pic.twitter.com/yxnfY6hSke
1 day ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Si parlerà anche di #malattierare , con un focus sulla #lipodistrofia a “Bimbi dei Miracoli" in programma dal 25 al 27 gennaio 2019 presso il palazzo dei Congressi di Pisa. #BimbiDeiMiracoli bit.ly/2SZAJGt pic.twitter.com/hqEMeJzTG4
2 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Il 19 Gennaio si terrà a Verona la presentazione del libro “La sabbia negli occhi”. Un viaggio dell’anima tra ricordi ed emozioni. @ANIMaSS05 #SindromediSj%C3%B6gren #RareDiseases bit.ly/2RPStGZ
2 days ago.
OssMalattieRare
OssMalattieRare Il farmaco ha dimostrato di ridurre il tempo di normalizzazione della conta piastrinica nei pazienti affetti da #porpora trombotica trombocitopenica acquisita. bit.ly/2APR09M pic.twitter.com/NLJU1Ye2id
2 days ago.

L’Osteopetrosi maligna, detta anche malattia di Albers-Schonberg o più volgarmente ‘ossa di marmo’ è una malattia genetica rara che colpisce fin dalla nascita e nelle forme più gravi, soprattutto quella maligna, può portare alla morte entro il primo anno di vita. I bimbi che ne sono colpiti vanno incontro a cecità, sordità, malformazione scheletrica e fragilità ossea, fino alla morte. Ma non sarà però così per Maya, una bimba di poche settimane che, grazie al trapianto di midollo osseo ricevuto dal fratellino di 3 anni, effettuato all’Ospedale San Matteo di Pavia, avrà la possibilità di un’esistenza normale.

Solo pochi casi al mondo sono stati curati con un trapianto di midollo così precoce. La fortuna di Maya è stata di avere un fratello donatore compatibile e quella di una diagnosi estremamente precoce che ha permesso di intervenire prima che la malattia causasse i primi danni. “La carta vincente – ha infatti spiegato Marco Zecca, direttore dell'oncoematologia pediatrica- è stata proprio la velocità di intervento. Il trapianto di midollo è l'unica terapia curativa, ma deve essere eseguito prestissimo, nelle prime settimane di vita, per evitare che i danni neurologici diventino irreversibili e fatali”.
L’osteopetrosi è causata dall’assenza o dal malfunzionamento degli osteoclasti, cellule che distruggono l’osso liberando il calcio e il fosforo e contribuendo al rimodellamento osseo, un processo che serve affinché le ossa mutino nel tempo fino ad arrivare alla forma confacente alle proprie funzioni. Nei soggetti affetti da questa malattia gli osteoclasti non sono capaci di riassorbire l’osso immaturo e questo genera il formarsi di cavità nel midollo osseo e nuclei di cartilagine calcificata rimangono all’interno dell’osso stesso. Le ossa sono insomma troppo dense e non riescono ad adattarsi allo sviluppo degli altri organi. L’anomalo rimodellamento dell’osso causa danni in primo luogo a livello del cranio, dove avviene una compressione nervosa soprattutto del nervo ottico, il che può portare in breve tempo alla cecità. L’osso così formatosi è fragile e facilmente esposto a fratture.
L’osteopetrosi maligna, che colpisce alla nascita un bambino ogni 150.000, è la forma più grave della malattia ed è trasmessa si eredita con una modalità detta autosomica recessiva. Un bambino cioè sarà malato solo se possiede due copie del gene difettoso. Chi possiede una sola copia alterata è invece un portatore sano. Dall’incontro di due genitori portatori sani può quindi nascere, con una probabilità su 4, un bambino affetto da questa grave malattia.
I test genetici attualmente esistenti permettono di stabilire se i genitori sono entrambi portatori sani della mutazione genetica che causa la malattia e se dunque il bimbo è a rischio di nascere già malato.
A questo punto si potrebbe fare la diagnosi sul feto. Ciò significherebbe avere in primo luogo la possibilità di intervenire subito dopo la nascita con un trapianto, limitando così gli effetti della malattia, oppure addirittura intervenire con un trapianto in utero, come è già stato realizzato per una altra grave immunodeficienza ereditaria, la sindrome di Omenn.


Articoli correlati



GUIDA alle ESENZIONI per le MALATTIE RARE

Malattie rare, GUIDA alle esenzioni

Con l'entrata in vigore dei nuovi LEA (15 settembre 2017) è stato aggiornato l’elenco delle malattie rare esentabili.

OMaR (Osservatorio Malattie Rare), in collaborazione con Orphanet-Italia, ha realizzato una vera e propria Guida alle nuove esenzioni, con l'elenco ragionato dei nuovi codici, la lista completa di tutte le patologie esenti, le indicazioni su come ottenere l’esenzione e molto altro.

Clicca QUI per scaricare gratuitamente la Guida.

 


News



© Osservatorio Malattie Rare 2015 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Testata giornalistica iscritta al ROC, n.20188, ai sensi dell'art.16 L.62/2001 | Testata registrata presso il Tribunale di Roma - 296/2011 - 4 Ottobre
Direttore Responsabile: Ilaria Ciancaleoni Bartoli - Via Varese, 46 - 00185 Roma | P.iva 02991370541


Website by Digitest | Hosting ServerPlan



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni