Politiche socio-sanitarie
Regioni, Taglio da due miliardi al Fondo sanitario nazionale
Autore: Matteo Mascia,  27 Feb 2015   

Totale incertezza sull'aggiornamento dei Lea. Il miglioramento rischia di essere rimandato al 2016

Le Regioni dovranno fare i conti con un taglio dei trasferimenti pari a circa 5,6 miliardi. Effetto del combinato disposto delle leggi di Stabilità votate durante i governi di Monti, Letta e Renzi. I governatori sono pronti a rinunciare a due miliardi di aumento del Fondo sanitario nazionale, scelta dovuta alle riduzioni decise a Roma. Questo il frutto dell'accordo raggiunto ieri in seno alla Conferenza Stato-Regioni, solo il Veneto ha annunciato di voler ricorrere alla Corte costituzionale.

Leggi tutto...
 
Riordino Aifa, Cittadinanzattiva e associazioni chiedono partecipazione nella politica farmaceutica italiana
Autore: Redazione,  23 Feb 2015   

Sono 25 le associazioni che insieme a Cittadinanzattiva hanno chiesto al Parlamento - nell’ambito dell’indagine conoscitiva degli enti vigilati - che la partecipazione e il coinvolgimento delle organizzazioni di cittadini e pazienti nelle politiche del farmaco siano prioritarie nella riforma degli enti vigilati, in particolare in quella dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa), che si sta discutendo in queste settimane.

Leggi tutto...
 
Malattie Rare, in Francia il secondo PNMR esteso al 2016
Autore: Redazione,  12 Feb 2015   

In Italia non abbiamo ancora attuato il primo, in Francia sono già al secondo, che funziona così bene da volerlo estendere per un anno in più. Parliamo del Piano Nazionale per le Malattie Rare (PNMR), strumento reso necessario dalla regolamentazione europea. Approvato a novembre 2014, in PNMR italiano non è mai stato finanziato. Ma veniamo alla situazione francese, riportata dal portale Orphanet Italia.

Leggi tutto...
 
Nuovi Lea, ecco l'elenco delle malattie rare che entreranno a farne parte
Autore: Redazione,  09 Feb 2015   

La proposta dei nuovi LEA presentata dal Ministro Lorenzin comincia a prendere forma concreta. Per un costo finale di 414 milioni la riforma prevede di modificare l'assistenza socio sanitaria a diversi livelli. Per quanto riguarda le malattie rare, come già anticipato, entreranno a far parte dei LEA più di 110 patologie rare fino ad ora prive di esenzione da tiket. Questo l'elenco completo delle patologie previste dalla proposta ministeriale. (scarica qui l'elenco)

 

Leggi tutto...
 
Lea, Paola Binetti chiede chiarezza su malattie rare inserite nell'elenco
Autore: Matteo Mascia,  29 Gen 2015   

“Il ministro Beatrice Lorenzin fa fare un deciso passo avanti al Patto della salute con l'annunciata revisione dei Livelli essenziali di assistenza: speriamo che le sue motivazioni si rafforzino e si trasformino in decisioni operative nel prossimo incontro con gli assessori alla sanità delle Regioni”, questa l'opinione della deputata di Area popolare Paola Binetti, presidente dell'Intergruppo parlamentare sulle malattie rare. “Le promesse fatte ai pazienti affetti da malattie rare sono state più volte reiterate, ma finora non si sono mai tradotte in fatti concreti. Molti pazienti, in forma individuale o attraverso le associazioni di cui fanno parte - prosegue la parlamentare centrista -, chiedono con insistenza di conoscere l'elenco delle 110 patologie ammesse ai LEA, per poter accedere alle risorse previste dal nuovo Patto per la salute e, quindi, all'insieme delle misure socio-sanitarie a cui hanno diritto. Misure che si vedono negate, come se una sottile parete di cristallo li separasse dal giusto riconoscimento dei loro diritti."

Leggi tutto...
 
Estendere i Lea ai diritti sanitari, l'appello delle associazioni
Autore: Redazione,  12 Feb 2015   

Il sostegno alla proposta dell'On.Vargiu alla riforma del titolo V della Costituzione

La modifica del Titolo V della Costituzione, di cui si sta discutendo in questi giorni in Parlamento, potrebbe rappresentare l’irripetibile opportunità di fare recuperare allo Stato centrale il diritto a esercitare i poteri sostitutivi nei confronti delle Regioni inadempienti nell’attuazione dei LEA. Questo disegno di legge però, sebbene riaffermi il primato dell'uniformità assistenziale, ha un limite, che è quello di far riferimento solo ai livelli essenziali dei diritti civili e sociali, trascurando quelli legati alla tutela della salute.

Leggi tutto...
 
Puglia, arriva il Piano triennale sulle Malattie rare
Autore: Matteo Mascia,  11 Feb 2015   

Fondamentale il dialogo tra amministrazione, medici, malati e loro associazioni

La Regione Puglia è pronta a destinare maggiore attenzione e risorse alle malattie rare. La giunta regionale guidata da Nichi Vendola ha approvato ieri il piano triennale e la governance della Rete Malattie Rare in Puglia, proposto dal Coordinamento Regionale Malattie Rare (CoReMaR) dell’AReS Puglia. Il Coordinamento ed il Centro Sovraziendale, conclusa la fase di sperimentazione, sono oggi parte integrante del Sistema sanitario regionale.

Leggi tutto...
 
Il presidente della Repubblica ricorda l'importanza del diritto alla salute
Autore: Matteo Mascia,  03 Feb 2015   

Durante il discorso alla Nazione ricorda i malati e le loro famiglie

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha svolto il suo discorso alla Nazione di fronte al Parlamento riunito in seduta comune. Intervento durante il quale non ha mancato l'importanza di sottolineare l'importanza del diritto alla salute, garantito dalla Costituzione. L'ex esponente della sinistra democristiana ha poi aggiunto: “Mi auguro che negli uffici pubblici e nelle istituzioni possano riflettersi, con fiducia, i volti degli italiani: il volto spensierato dei bambini, quello curioso dei ragazzi. i volti preoccupati degli anziani soli e in difficoltà il volto di chi soffre, dei malati, e delle loro famiglie, che portano sulle spalle carichi pesanti”. Passaggi carichi di significati sociali e, forse, capaci di scuotere tutte le istituzioni. Il nuovo capo dello Stato ha fatto intendere di aver a cuore ogni singola norma della legge fondamentale: diritto alla salute compreso. I malati rari sanno bene cosa significa non declinarlo in maniera autentica.

 
Stato-Regioni, in arrivo due miliardi di euro di tagli sulla sanità
Autore: Matteo Mascia,  29 Gen 2015   

Con quali soldi sarà finanziato il potenziamento dei Lea?

Lo Stato e le Regioni decidono di non decidere sul Patto della salute e i tagli imposti dall'ultima legge di stabilità. Ieri, i governatori si sono resi protagonisti di un annuncio choc. Le Giunte sarebbero addirittura pronte a tagliare le somme destinate ai Sistemi sanitari per una cifra che si aggira intorno ai due miliardi di euro. “Abbiamo bisogno ancora di una settimana per discutere di alcuni punti” ha spiegato il presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino. “C'è ancora qualcosa da approfondire 4 punti su 5 sono condivisi. Sul resto, ci ritroviamo tra una settimana” ha aggiunto il presidente del Piemonte. “Dobbiamo trovare una soluzione che eviti tagli a carico delle fasce deboli”, ha dichiarato il sottosegretario all'Economia, Pierpaolo Baretta, abbandonando la riunione della Conferenza Stato-Regioni. Baretta si è detto fiducioso che l'intesa possa essere raggiunta la prossima settimana. “Serve un accordo quadro che definisca le voci su cui avverranno i tagli - ha sottolineato Baretta - tagli in sanità sono possibili, l'importante è che non siano sulle prestazioni”.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 45


Informazioni Mediche

Tutte le informazioni presenti nel sito non sostituiscono in alcun modo il giudizio di un medico specialista, l'unico autorizzato ad effettuare una consulenza e ad esprimere un parere medico.

Condividi

Facebook Digg Delicious Stumbleupon Google Bookmarks RSS Feed 

Seguici su...

Seguici su Facebook Facebook